• Roberta Passa

Una settimana per imparare a cercare lavoro.


Che ci si stia affacciando al mondo del lavoro per la prima volta magari appena conseguiti gli studi, oppure che ci si stia rimettendo in gioco dopo un periodo di inattività o che si voglia provare a cambiare azienda o ruolo, il primo passo da fare e quello di pianificare.

Prepariamo un percorso, diamoci delle tappe e cerchiamo di raggiungere gli obiettivi quotidiani che stabiliamo.


Di seguito un esempio di organizzazione settimanale che potrà supportarci nel definire le nostre priorità ed ad elaborare un metodo che ci aiuterà a prendere confidenza con gli annunci di lavoro, con la nostra capacità di presentarci in relazione alle offerte che ci interessano.

#Lunedì: la parola chiave deve essere #autovalutazione. Ripercorriamo il nostro percorso professionale per ogni mansione ricoperta elenchiamone le attività e per ognuna di queste facciamo il punto della situazione sulle competenze tecniche e trasversali che abbiamo messo in atto.

L’obiettivo è quello di analizzare i ruoli ricoperti che rispecchiano o che hanno molti punti in comune con quello che vogliamo fare. Stiliamo un elenco che useremo come base per la compilazione del nostro cv.

#Martedì: l’obiettivo è la preparazione del proprio cv. Dopo aver inserito le informazioni di contatto, compresi i social network professionali di cui abbiamo un profilo, e le specifiche della nostra formazione, andiamo ad elaborare le nostre esperienze di lavoro. È preferibile partire dall’esperienza lavorativa più recente, usare elenchi puntati al posto di frasi lunghe, e scegliere un layout e un font che siano di facile lettura. Questo non sarà il nostro cv definitivo, ma la base da cui partire per rielaboralo ogni volta in modo strategico all’offerta a cui vogliamo candidarci.

#Mercoledì: ricerca di annunci di lavoro pertinenti ai nostri interessi. Facciamo un elenco dei siti job board più utilizzati e creiamo il nostro profilo, creiamo una tabella che potremmo aggiornare di volta in volta. Creiamo o aggiorniamo il nostro profilo LinkedIn, spesso i recruiters dopo aver ricevuto il cv di una risorsa visionano anche il suo profilo professionale on line. Facciamo anche un elenco di agenzie per il lavoro e raccogliamo informazioni sulla possibilità di essere inseriti nel loro data base, potremmo trarne vantaggio nel processo match domanda ed offerta di lavoro per tutte quelle aziende che utilizzano delle terze parti nella gestione delle loro selezioni.

#Giovedì: Lavoriamo su ogni offerta che ci interessa modificando il nostro cv. Le competenze e le nostre conoscenze dovranno essere inserite in maniera strategica, attraverso l’uso di keywords in modo da essere selezionati sia dagli ATS che dai recruiters. Utilizziamo la stessa terminologia dell’annuncio, evitiamo l’utilizzo esclusivo di acronimi, e nel caso venissero inseriti nel cv, specificare la parola estesa tra parentesi.

Inviamo il nostro cv e tracciamo le nostre applicazioni in un data base, se dovessimo essere chiamati per un primo colloquio dobbiamo ricordare il ruolo al quale ci siamo candidati e l’azienda, il colloquio di lavoro inizia dal primo contatto che abbiamo con l’azienda.


#Venerdì: Parola chiave networking, se abbiamo ricevuto delle telefonate o delle mail, invitiamo una richiesta di collegamento LinkedIn ai contatti che ci hanno cercato. Raccogliamo informazioni sulle aziende alle quali abbiamo inviato il cv, e prepariamoci su dei potenziali colloqui magari approfondendo le strategie di intervista più usate come ad esempio il metodo S.T.A.R. (Situation/Task/Actions/Results).

E te come organizzi la tua ricerca di lavoro?

Lascia un commento per condividere la tua esperienza.

0 vistas

©2020 NewCvService